mercoledì 1 febbraio 2012

Le 10 meraviglie della cucina portoghese secondo Mundo

Meninas e meninos, bentornati nel Blog di Mundo, il blog che vi parla del Portogallo e di Lisboa, e a volte di Lisboa e del Portogallo. Oramai insediato a casa nuova, e superato il cansaço post-trasloco, posso lasciare da parte i famigerati siti di annunci immobiliari e tornare a occuparmi delle solite amenitá. Ed é sprofondato sul comodo sofá del mio minuscolo monolocale da single spelacchiato che apro una nuova season per questo Blog (che si rinnova leggermente anche nella grafica), parlandovi delle 10 MERAVIGLIE 10 DELLA GASTRONOMIA LUSITANA, questa sconosciuta. Perché parlare di comida ci piace, e perché hey, la cucina italiana sará anche la piú buona del mondo, ma nemmeno qui scherzano. Ecco a voi la Top Ten di Mundo dei migliori pratos portoghesi!

1° LUGAR: bacalhau com natas

"...E té pareva, sempre io!"
Al primo posto non poteva che esserci lui, il Signor pesce bacalhau, divorato IN QUANTITÁ INDUSTRIALI da tutti i portoghesi sin dal Secolo XIV, epoca delle grandi navigazioni. É impossibile elencare in questo post l´enorme quantitá di ricette di baccalá: bacalhau a brazbacalhau com natasbacalhau á espiritual; com broa, com cebolada, assado, cozido, frito, bacalhau á lagareiro e á minhota, bacalhau com batadas á murro e persino bacalhau cru (crudo); diciamo che - come direbbero dalle mie parti - su mancianu puru impiccicatu au muru.
Quindi il Signor pesce vince, ma per ragionevoli motivi di spazio ho scelto una sola ricetta, quella che preferisco, perché alla fine ou! É la mia Top 10. Sul gradino piú alto del podio ci metto quindi il bacalhau com natas, che poi sarebbe uno sformato di baccalá con cipolle, patate, besciamella e panna! :P

Da lontano é cosí...
....Da vicino é cosí  °_°´

Ora, il bacalhau com natas non sará proprio un piatto leggerino (circa 608 Kcal una porzione normale) né di rapida preparazione (almeno un´ora e mezza), ma vi giuro che é buonissimo, un pasticcio cremoso, cosí cremoso che ci fanno pure le torte per i bambini.


"Taaaaanti auguri aaaaaa teeeee!"

Se avete voglia di un compleanno un pó diverso, la ricetta - in italiano - la trovate qui. Servite il piatto accompagnato da un´insalita di lattuga e pomodoro, mi raccomando!


Effetti collaterali: alito da merluzzo.


2° LUGAR: feijoada à transmontana


Al secondo posto si piazza orgogliosa la feijoada, piatto solitamente associato al Brasile, dove é nato; pare infatti che nell´antica colonia mangiassero fagioli un pó con tutto, per mancanza di riso e altre graminacee. Giunta nel vecchio continente, la ricetta si é arricchita e diversificata. Qui le versioni piú diffuse sono fondamentalmente due: la feijoada de marisco, con fagioli bianchi, polpo (o seppia), gamberetti, cozze e vongole....


...Nié, nié, non guardare, andiamo avanti...

....E la tradizionale feijoada à transmontana, che si piazza orgogliosa al secondo posto con le sue dignitose 450 Kcal (1 porzione normale)!




Si tratta stavolta di fagioli rossi con carne de porco e de vaca (non facciamo distinzioni), salame, cipolle e carote! Si serve ben calda e - siccome NOI il riso ce l´abbiamo, eccome se ce l´abbiamo - accompagnata con del riso bianco ben secco!


Buon appetito!
Per la ricetta cliccate qui.

Effetti collaterali: chevelodicoaffare.


3° LUGAR: Alheira

Il 3° posto é invece per questo insaccato che, nonostante il suo aspetto ricordi ben altre fragranze, é una sorta di salsiccia ripiena di una pasta ottenuta mischiando assieme carne de porco, pane grattuggiato e aglio.


Alheira, questo il suo nome, pare sia stata inventata dagli ebrei nel Secolo XV per sfuggire alle catene dell´Inquisizione; la religione ebraica infatti gli impediva, esattamente come oggi, di mangiare carne di maiale e questo li rendeva - come dire - un tantino sgamati. Cosí cominciarono a produrre questa specie di salsiccie, mantenendo la tipica forma ma sostituendo la carne di maiale con  una mistura di altre varietá di carni (che includevano vitello, coniglio o gallina) avvolte da una massa di pane per conferirgli consistenza. Mica scemi. Toh guarda mangio le salsicce!!! Gné gné!!!!

Oggi felizmente gli ebrei possono tranquillamente ammettere di esserlo e noi possiamo goderci una bella, croccante alheira di carne de porco (100 Kcal, un caddozzo da 33 grammi), che va fritta e RIGOROSAMENTE servita con insalata, patate fritte e uovo.


Trovate la ricetta qui. Per l´alheira arrangiatevi.

Effetti collaterali: sembrerà che stiate affettando una merda.



4° LUGAR: polvo á lagareiro

Quaaanto ci piace il polipo! Ma quanto? Eh? Per gli amanti dei cefalopodi di passaggio in Portogallo questo è un piatto imprescindindibile: il mitico polvo á lagareiro, cotto in pentola e poi grigliato. E mi direte embè che ccè de novo, c'è che a renderlo speciale abbiamo un ottimo molho, un sughetto ottenuto soffrigendo aglio e cipolla con olio d'oliva col quale il polvo viene letteralmente impregnato.


Si serve con patate lesse schiacciate e due, tre al massimo quattro OLIVE NERE DI GUARNIZIONE.


La ricetta è qui.

Effetti collaterali: Masticaaaaaate beeeeene.


5° LUGAR: francesinha á moda do Porto

Continuiamo a farci del male con la ricca, mastodontica, colesteroloportamivia francesinha, piatto tipico della cittá di Porto, dove non c´é un solo ristorante o café che non ne abbia almeno una variante nel menú. E chi c´é stato sa cosa intendo! Questa onnipresente specialitá, strabordante e portentosa, é in realtá un MOSTRO da 1200 Kcal che rende difficile persino alzarsi dalla sedia dopo che si é finito di mangiare...

The challenge

Ma é tremendamente buona!!! Si fa con due fette alte di pan carré ripiene con salsiccia, prosciutto crudo, mortadella e una fettina di carne de vaca, poi ricoperte con formaggio fondente e gratinate. Una volta tolte dal forno, gli si butta sopra un uovo fritto e si circondano di patate fritte, da intingere nella caratteristica salsina agrodolce fatta con birra, piri-piri (una sorta di tabasco tipico del Portogallo) e un goccio di vinho do porto. Pois!!! °_°´



Versione "ligerinha", senza uovo fritto  -___-

Perché, dunque, un piatto cosí PESANTE porta un nome tanto carino, un diminuitivo, che fa pensarte a qualcosa di dolce e mignon? Beh, pare che a crearlo - negli anni ´50 - sia stato un signore di Porto che dopo essere tornato da un lungo soggiorno in Francia ha voluto omaggiare le donne francesi, “essas meninas tão quentes, gostosas e picantes”; a vedere cosa ne é uscito fuori, questa oggettiva, piccantella, umida porcata da infarto, chissá quanta "fame" che doveva avere, o gajo!!! :D

I piú coraggiosi tra voi possono trovare la ricetta qui.

Effetti collaterali: consultare un medico.


6° LUGAR: sopa de pedra.

Quando si parla di cucina portoghese non può mancare la sopa, ovvero la zuppa! Finalmente, dirà qualcuno, qualcosa di più saudavel! MAI nella mia vita ho mangiato così tanta sopa come qui in Portogallo, dove rappresenta il primo piatto (come dire, prepariamoci lo stomaco) ed è servita - in mille varianti diverse - praticamente in TUTTI i ristoranti, i cafè, le tasquinhas e bettole del Paese. Sopa de batata, de legumesde couve, de cenoura, de ervilhas, de peixe o de marisco! Sopa, sopa, eu gosto de sooopaaaaa!!!



Questo educativo quanto psichedelico brano per bambini (che servirebbe a ogni mamma italiana che ha problemi a convincere il figlio a mangiare l'odiosa minestra) è un esplicativo esempio del livello di PENETRAZIONE CULTURALE che ha questo piatto in Portogallo.
Per continuare questo giochino della classifica ho scelto, tra la vasta gamma di opzioni possibili, come al solito la mia preferita, la sopa de pedra, con fagioli, tocchetti di carne de vaca, cavolo, patate, cipolla e carote!


Consigliatissima! Per chi volesse provare a farla in casa, la ricetta sta qui.

Effetti collaterali: esofago ustionato.


7° LUGAR: carne de porco à alentejana

Scendiamo adesso a sud, in Alentejo, per il settimo posto che va, immeritatamente, alla meravigliosa carne de porco à alentejana, ma me ne sono ricordato solo adesso e va beh. Effettivamente si tratta di un piatto apprezzato in tutto il Paese e - ho scoperto - uno dei più celebri all'estero; una sorta di spezzatino fatto con cubetti di carne di maiale, aglio e ameijoas, ovvero... Vongole. Un accostamento che a prima vista risulta improbabile ma che invece dà vita a un piatto assolutamente squisito.

Gnam!

Anche questa la potete fare facilmente a casa seguendo la ricetta qui.

Effetti collaterali: sai quanto è divertente sgusciare una ad una le vongole?


8° LUGAR: caldeirada de peixe

Siccome guarda caso è quasi ora di cena, e a furia di parlare di cibo mi sta venendo una fame da orbi, procediamo velocemente con le ultime tre posizioni della classifica e poi tiè, vè salutooo!!!

Pappa, pappa, pappa, pappa, pappa

All'ottavo posto ci metto la caldeiradapiatto a base di diverse varietà di pesce (pesce-spada, sardine, seppie, cozze, etc.) che va tagliato in piccoli pezzi per essere poi cotto per circa un'ora in un sugo a base di patate, cipolla, aglio, sedano e farina.




Può essere servita da sola, come una sopa, o sopra fette di pane caseiro tostato.

La ricetta qui.

Effetti collaterali: sonnolenza e avversione al pesce.


9° LUGAR: tosta mista

Al penultimo posto ci metto un classico del pequeno almoço à portuguesa, la tradizionale, ipercalorica colazione dei campioni (se nò che "piccolo pranzo" sarebbe, eh!) per gente che si alza presto al mattino e c'ha quel buco allo stomaco che si mangerebbe pure al barista: la mitica, nutriente e quentinha tosta mista, che non ha bisogno di tante introduzioni perchè alla fine è un semplicissimo toast con formaggio e proscutto. Solo che loro lo fanno con pane caseiro e spalmato di manteiga (burro) da un lato...



Non è il caso che vi passi la ricetta, vero?

Effetti collaterali: ma che volete che vi faccia un toast.


10° LUGAR: pastel de nata.

Come non concludere con una sobremesa? In questo caso con il dessert più portoghese che portoghese non si può???  E' il momento del mitico pastel de nata, CALDAMENTE raccomandato da TUTTE le guide, le mappe e le onlyplanet del Portogallo! Trattasi di una specie di tartellette a base di crema pasticciera e... Un ingrediente segreto! Si, perchè anche se si possono trovare praticamente OVUNQUE in città, gli originali pasteis de nata si possono assaporare solo a Belèm, presso la storica Pasteleria de Bèlem, dove dal 1837 vengono prodotti, secondo l'antica ricetta tramandata di generazione in generazione da una pazieeeente e omertosa famiglia di pasticcieri.






Sono davvero diverse da tutte le altre? Si. Cosa ci metterano dentro? E secondo voi ora lo vengono a dire a me?
Ad ogni modo, trovate la ricetta "ufficiale" (senza ingrediente segreto) qui.

Effetti collaterali: dipendenza!



E ORA A TAVOLAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!! XD

5 commenti:

  1. Aaaaaaaaaaaah Mar, mi fai morire dal ridere :-D
    Vanessa

    RispondiElimina
  2. In 12 anni mi sono "sopizzata" a volontá. Oggi per esempio ho pranzato con una sopa de grão com espinafre buonissima! Un saluto

    RispondiElimina
  3. parto per lisbona questa estate... non vedo l'ora di mangiare tutte queste cose... a quanto pare la cucina portoghese è generosa con una intollerante al lattosio come me ::)

    RispondiElimina
  4. Ecco... ho letto e sono già ingrassata!

    RispondiElimina
  5. Quando arrivo mi ingolfo senza dignità alcuna

    RispondiElimina

Tutti i commenti che saranno ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine od onorabilità di terzi, saranno rimossi. Saranno altresì rimossi commenti considerati spam, razzisti e che contengano dati personali non conformi al rispetto della norma sulla Privacy vigente.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...